• Pane di matera, fetta a cuore

"Il pane, l'acqua ed il vino, le tre cose più necessarie alla vita, sono eccellenti; ed il pane e l'acqua in ispecie, non sono inferiori a quelli di nessun paese del Regno."

Conte Carlo Ulisse De Salis Marschlins, parlando di Matera, da "Viaggio nel Regno di Napoli", 1789

***English version below!***

La ricetta di cui vi parlo oggi ha una genesi abbastanza particolare.
Mia figlia ha ricevuto come compito per casa una ricerca sugli antichi romani, di cui poteva scegliere liberamente l'argomento.
Degna figlia di foodblogger ha scelto il cibo, e così ci siamo documentate su cosa mangiavano i romani di qualche migliaio di anni fa per pranzo, colazione e cena, ed abbiamo illustrato i pasti delle diverse classi sociali nella loro diversità.
La maestra però non è stata soddisfatta del lavoro di tutta la classe e ci ha chiesto di rifare il compito utilizzando più creatività e manualità.
E qui mi si è accesa la lampadina! Manualità! Cosa c'è di meglio che usare le mani per cucinare una pietanza proprio come avrebbero fatto in una villa romana? Certo abbiamo utilizzato il gas invece della brace ed ed ho cucinato io, la matrona in persona, invece della apposita schiava,  ma sostanzialmente nella ricetta non è cambiato nulla.
Ovviamente ho preso la ricetta dal De Re Coquinaria di Apicio, potevo farmi sfuggire la soddisfazione di utilizzare un ricettario con più di 2000 anni?!
Mi ha aiutato a comprendere i passaggi questo sito, altrimenti pur avendo studiato latino al liceo non credo che avrei capito bene come procedere.
Il testo originale recita:

Accipies similam, coques in aqua calida, ita ut durissimam pultem facias, deinde in patellam expandis. Cum refrixerit, concidis quasi dulcia et frigis in oleo optimo. Levas, perfundis mel, piper aspargis et inferes. Melius feceris, si lac pro aqua miseris. [Apicius, De Re Coquinaria, 7, XIII, 6]

Sebbene Apicio indichi chiaramente di utilizzare il fior di farina (simila-similae), la memoria mi è andata immediatamente agli gnocchi alla romana, il procedimento è molto simile anche se si usa il semolino per farli (e sono un piatto salato).
In ogni caso ecco la ricetta, in collaborazione con mia figlia Dalia che non è mai stata così felice di svolgere i compiti per casa...
:)

**************************************************************************************************************
Apicius honey treats

Today's recipe has a quite particular story. My daughter had to do an essay on the ancient Romans, anything concerning this subject. Of course, being a foodblogger's daughter she chose food so we did some research on what the ancient Romans ate few thousands of years ago for breakfast, lunch and dinner e we showed the different meals according to their social class.
The teacher wasn't completely happy, so she asked to do it again using more creativity and making it craftier
And here I got an idea! Crafts! What better than using our hands to cook a meal just like they would have done in a Roman villa?!
Of course we used gas rather than a charcoal stove and I, the matron, was the cook rather than the designated slave, but nothing has been changed as far as the recipe is concerned.
Of course I took the recipe from De Re Coquinaria of Apicius. I could never pass on the satisfaction of using a recipes book which is over 2000 years old!
I got help from this site with the steps, although I studied Latin in High School, I wouldn't have been able to understand how to proceed.

The original recipe reads: Accipies similam, coques in aqua calida, ita ut durissimam pultem facias, deinde in patellam expandis. Cum refrixerit, concidis quasi dulcia et frigis in oleo optimo. Levas, perfundis mel, piper aspargis et inferes. Melius feceris, si lac pro aqua miseris. [Apicius, De Re Coquinaria, 7, XIII, 6]

Although Apicio clearly states to use superfine flour (simila-similae), my mind immediately went to the 'gnocchi alla romana', the procedure is quite similar even though you have to use semolina flour instead of plain flour
Anyway here's the recipe featuring my daughter Dalia who's never been so happy to do her homework!
:)

L'insolito accostamento pepe/miele dona a questi semplici dolcetti un sapore molto stuzzicante, e sapere che è una ricetta con più di duemila anni la rende davvero speciale! The unusual combination pepper/honey gives these simple treats a very appetizing taste and to know that this is a recipe over 2000 years old it makes it really special!

    • dolcetti al miele di apicio 46416

Ingredienti

  • 1/2 l di latte (1/2 l milk)
  • 275 g di farina 00 (275 g plain flour)
  • 1/2 cucchiaino di sale qb (1/2 ts salt)

Per friggere (to fry)

  • olio di semi, preferibilmente di girasole (Vegetable oil, sunflower oil preferred)

Per la finitura (to finish)

  • 250 g di miele (250 g clear blossom honey)
  • pepe macinato (Freshly grounded black pepper)
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 15 minuti
Dosi per: 4 persone
Difficoltà: Media
Reperibilità alimenti: Facilissima
Livello di prezzo: Basso
Nazione: Italia
Regione: Lazio

Attrezzatura necessaria:
  • Padella (fry pan)
  • Carta forno (greased sheet)
  • Coltello a lama piatta (flat blade knife)
  • Tagliapasta (cookie cutter)

Setacciare la farina in una pentola e stemperarla con il latte poco alla volta, mescolando con una frusta per non fare grumi.
Accendere il fuoco e continuare a mescolare finchè non si addensa (dovrà risultare una polentina abbastanza solida).
********************************************************************************************************************
Sieve the flour in a pot and add milk little by little whipping to avoid lumps.
Turn the fire on and keep stirring until it thickens (it should be quite a thick cornmeal mush).

Versare il composto così ottenuto su un foglio di carta forno leggermente unto, e spatolare con un coltello bagnato per ottenere lo spessore uniforme di circa un centimetro.
Una volta raffreddato e solidificato ricavare delle porzioni regolari con un tagliapasta o con un coltello umido.
**********************************************************************************************************************
Pour the dough on a lightly greased sheet of baking paper and spread it with a wet knife so that the dough is about 1 cm thick.
Once it has cooled down and hardened make chunks with a cookie cutter or with a wet knife.

Friggere i pezzettini di polenta in olio ben caldo e metterli ad asciugare su carta assorbente.
***********************************************************************************************************************
Fry the chunks in hot oil and lay them on some paper towel.

Una volta intiepiditi passarli velocemente nel miele fluido, riscaldato a bagnomaria o nel microonde e cospargerli con pepe nero macinato al momento.
Servire tiepidi.
***********************************************************************************************************************
Once they are cooler dip them quickly in the honey which you'll have warmed up if it's too thick in the microwave and top with freshly grounded pepper.
Serve lukewarm.

    • dolcetti al miele di apicio 46422

Note

L'abbinamento inedito del pepe e del miele è la particolarità di questi dolcetti, ma si può sostituire al pepe la cannella se si desidera un gusto più classico.
The original combination of pepper and honey it's the the peculiarity of these treats but you can swap the pepper with cinnamon for a more classic taste.
Many thanks to Rita Petruzzella for the translation!

blog comments powered by Disqus

MyFreeCopyright.com Registered & Protectedcopywriting

Privacy Policy